PostHeaderIcon Forum Amici del Territorio - Comunicati

PostHeaderIcon Incontro Publlico del 1° Febbraio, Criticità geomorfologiche

Forum Amici del Territorio

Alla cortese attenzione:

- dell'Assessore Regionale alla Opere Pubbliche Protezione Civile e Difesa del Suolo, Fabiano Amati;
- del Segretario Generale dell'Autorità di Bacino Puglia,  Prof. Antonio Rosario Di Santo;
- del Sig. Sindaco di Cutrofiano (Le);
- dell’Assessore all’Urbanistica e Ambiente di Cutrofiano (Le).

 

Oggetto: Nota di sintesi e quesiti da sottoporre ai relatori dell’incontro pubblico sul tema "CRITICITA' GEOMORFOLOGICHE E AMBITI DI APPLICAZIONE DEL PAI".

PREMESSO

  • che il Forum Amici del Territorio, comitato di cittadini di Cutrofiano è stato promotore della Petizione Popolare per la richiesta dell’incontro in oggetto, ed è portavoce dei Cittadini sottoscriventi la stessa petizione;
  • che in data 30/11/2005 è stato approvato e in data 30/12/2005 pubblicato sul sito ufficiale, il P.A.I. dell’Autorità di Bacino della Puglia, nel quale ricade il Comune di Cutrofiano;
  • che il Comitato Tecnico dell’A.d.B. approva nella seduta del 25.07.2006, un ”Atto d’indirizzo per la messa in sicurezza dei territori a rischio cavità sotterranee” ;
  • che con nota pervenuta al Comune di Cutrofiano, prot. 23.09.2010 n° 1003, l’A.d.B. della Puglia propone una bozza di perimetrazione delle aree a diversa pericolosità geomorfologica, da sottoporre allo stesso Comune, per eventuali modifiche o integrazioni bibliografiche;
  • che il Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino della Puglia ha approvato, con delibera N.62 del 20/12/2011, le nuove perimetrazioni, con l’inserimento di aree a diversa pericolosità geomorfologica P.G.3 e P.G.2, per il territorio comunale di Cutrofiano (Le) in vigore dal 11/01/2012, confermando integralmente nella sostanza, la bozza proposta .

Per quanto in premessa, il Forum Amici del Territorio e i Cittadini interessati,

 

CHIEDONO

cortesemente alle SS.VV.:

  1. su quali dati da bibliografia, da lavori e da indagini, sono state perimetrate le aree a diversa pericolosità geomorfologica a Cutrofiano e con quali criteri sono state ridefinite ?
  2. Se nella fase di formazione delle nuove perimetrazioni aree a diversa pericolosità geomorfologica del PAI di Cutrofiano, è stato interessato l’ex Ufficio Minerario della Regione Puglia ? Se no, Perché ?
  3. Perché nella fase di redazione delle nuove aree a diversa pericolosità geomorfologica, non si è provveduto a sottoporre a pubblica visione ed a osservazioni da parte dei Cittadini e soggetti interessati, tali perimetrazioni, escludendo di fatto nella modifica del P.A.I., eventuali dati bibliografici o note di rilievo?
  4. Perché ad un anno dall’approvazione delle nuove perimetrazioni per le aree a diversa pericolosità geomorfologica a Cutrofiano, non esiste ancora un Piano di Protezione Civile adeguato ai “nuovi” rischi, atto a garantire una maggiore sicurezza ai Cittadini ?
  5. L’Autorità di Bacino della Puglia è a conoscenza, che alcune aree interessate dalla presenza di cavità sotterranee a Cutrofiano, di cui si ha documentata conoscenza, non sono state incluse nella perimetrazione delle aree a diversa pericolosità geomorfologica (esempio: “Loc. Petrore, comparto a.3.7., ecc…”), evidenziando difformità e diversa applicazione delle norme nella salvaguardia dei luoghi a rischio ?
  6. L’A.d.B. della Puglia è a conoscenza, che la maggior parte dei rilievi della rete di cave ipogee, effettuati nel 2006-2007 a seguito delle operazioni di caratterizzazione e bonifica delle stesse, non sono georeferenziati correttamente e quindi affetti da errori grossolani, che possono aver determinato errate perimetrazioni su alcune zone del territorio comunale ?
  7. Quali sono i metodi e i protocolli certificati dall’A.d.B, per la verifica ed eventuale procedure di svincolo delle aree a diversa pericolosità geomorfologica ?
  8. Quali sono le azioni che l’A.d.B. della Puglia e l’Amministrazione stanno attuando o intendono attuare nel breve, medio e lungo periodo, per il rilevamento, la verifica e la messa in sicurezza dei luoghi ?
  9. Ci possono essere pareri dell’A.d.B. della Puglia, richiesti post opera in sanatoria? Se sì, qual è la norma di riferimento?

Il Forum Amici del Territorio, coglie l’occasione per ringraziare i relatori per la loro presenza e la loro cortese disponibilità.

 

Cutrofiano, 01/02/2013

Il Presidente del Forum Amici del Territorio

(Pellegrino Gianfranco)

Ultimo aggiornamento (Sabato 02 Febbraio 2013 15:50)

 

PostHeaderIcon Osservazioni: VIA Impianto Eolico Corigliano d'Otranto - Soleto

Forum Amici del Territorio

 

Alla cortese attenzione:

- del Responsabile, Area Politiche per la Riqualificazione, la

   Tutela e la Sicurezza Ambientale e per l’Attuazione delle

   Opere Pubbliche - Servizio Ecologia - Ufficio

   Programmazione, Politiche Energetiche V.I.A. e V.A.S., Via

   delle Magnolie, 6/8 - 70026 - Modugno Z.I. (BA);

- del Sig. Sindaco di Corigliano d’Otranto (Le);

- del Responsabile Ufficio Urbanistica, Corigliano d’O. (Le);

- del Sig. Sindaco di Soleto (Le);

- del Responsabile Ufficio Urbanistica, Soleto (Le);

 

Oggetto: Osservazioni nel procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale, ai sensi della L.R. n° 11 del 12/04/2001, per il progetto d’impianto produzione di energia elettrica da vento Società NextWind, nei Comuni di Corigliano d'Otranto Soleto. 

Premesso

 

  • che sul Bollettino n. 140 del 27-09-2012, della Regione Puglia è stato Pubblicato la richiesta di Valutazione di Impatto Ambientale, per la realizzazione di un impianto eolico, denominato “CORIGLIANO-SOLETO”, sito nei Comuni di Corigliano d’Otranto e Soleto (LE), in località “Specchia Murga”. Soggetto richiedente, società Nextwind S.r.l. con sede in Lecce, alla Via degli Antoglietta, n. 11/A, P. IVA 04111510758;

  

  • che il Forum Amici del Territorio, comitato cittadino con sede in via Foggia n. 13 a Cutrofiano, rappresentato dal sottoscritto Presidente Gianfranco Pellegrino, residente a ########, ha preso visione della copia del progetto, consultabile sul sito istituzionale della Regione Puglia – Settore Ecologia, riguardante l’installazione di 20 aerogeneratori da 3 MW ciascuno per una potenza complessiva di 60 MW e la realizzazione delle relative opere connesse ricadenti parzialmente anche nel territorio comunale di Zollino (LE). (Figura 1)

   (Figura 1) Ubicazione.

(Figura 1) Ubicazione. 

Per quanto su premesso, si osservano condizioni a contrasto per l’istallazione dell’impianto eolico in oggetto, per i seguenti motivi:

 

(Piano Regionale di Tutela delle Acque - P.T.A.) 

Parte dell’impianto eolico oggetto della presente istruttoria interessa aree rientranti in Zona di Protezione Speciale Idrogeologica di tipo B2.

Come indicato nell’Allegato 2b, della Delibera di adozione del Piano di Tutela delle Acque - D.G.R. n. 883/2007, confermata nell’approvazione del piano, rientrano in Zona di Protezione Speciale Idrogeologica di tipo B2, i seguenti fogli catastali del comune di Corigliano d’Otranto, Tab. 3:

 

Comune interessato                            Numeri dei Fogli catastali interessati:

CORIGLIANO D'OTRANTO        2, 3, 8, 9, 14, 16, 20, 21, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 32.

 

Le Torri Eoliche N. 1 e 18, sono localizzate rispettivamente nei fogli catastali 2 e 16, quindi rientrano nella Zona di Protezione Speciale Idrogeologica di tipo B2, come si può osserva nella (Figura 2). 

  (Figura 2) Zone di Protezione Speciale idrogeologica B2.

 (Figura 2) Zone di Protezione Speciale idrogeologica B2.

 

Per la zona in questione, come prescritto nella “Relazione Generale di Piano di Tutela della Acque”, Zone di Protezione Speciale Idrogeologica (misura M.2.9) – sussistono i seguenti divieti generali:

 

a) la realizzazione di opere che comportino la modificazione del regime naturale delle acque (infiltrazione e deflusso), fatte salve le opere necessarie alla difesa del suolo e alla sicurezza delle popolazioni;

b) lo spandimento acque di vegetazione, fanghi e compost;

c) i cambiamenti dell’uso del suolo, fatta eccezione per l’attivazione di opportuni programmi di riconversione verso metodi di coltivazione biologica;

d) divieto della trasformazione dei terreni coperti da vegetazione spontanea, in particolare mediante interventi di dissodamento e scarificatura del suolo e frantumazione meccanica delle rocce calcaree;

e) l’utilizzo di fitofarmaci e pesticidi per le colture in atto;

f) l’apertura e l’esercizio di nuove discariche per i rifiuti solidi urbani non inserite nel Piano Regionale dei Rifiuti.

 

(Aree non Idonee - Regolamento Regionale n. 24 del 30-12-2010) 

Nell’Aree non idonee all’insediamento degli impianti di energia rinnovabile della Regione Puglia (Linee guida del Regolamento Regionale n. 24 del 30-12-2010), si evidenzia, che la Torre Eolica N. 15, ricade probabilmente nella “segnalazione carta dei beni + buffer 100 mt.”.

Inoltre si può osservare come nell’Area perimetrata dalla recinzione, pertinenza dall’impianto sono presenti Ambiti Territoriali Estesi di tipo B del PUTT/P e zone boschive.

(Figura 3)

  (Figura 3) Aree non Idonee.

(Figura 3) Aree non Idonee. 

(Piano territoriale di Coordinamento Provinciale – P.T.C.P. di Lecce ) 

Nel Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (P.T.C.P.) di Lecce, le Torri Eoliche N. 13, 16, 17, 18 e 20, ricadono nelle zone di “SECONDA FASE dell’espansione della naturalità”, tutelate con prescrizioni nelle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Provinciale, come vincolo graduato posto negli indirizzi per la pianificazione comunale: gli strumenti urbanistici locali indicano le modalità edificatorie collegate alla prossimità alla naturalità esistente (seconda fase di espansione). (Figura 4) 

  (Figura 4) P.T.C.P. di Lecce.

 (Figura 4) P.T.C.P. di Lecce. 

(PUTT/p - ATE)

Sulla tavola degli Ambiti Territoriali Estesi (ATE) del PUTT/p della Puglia, si evidenzia che la maggior parte delle TORRI EOLICHE, saranno allocate nell’Ambito Territoriale Esteso di tipo “C” (ATE C), se pur non assolutamente vincolante, in tale Ambito è necessaria una rigorosa Autorizzazione Paesaggistica di cui all'art. 5.01 delle NTA, inconciliabile con la tipologia paesaggistica mediterranea rurale dei luoghi e l’impianto in oggetto.

  (Figura 5) PUTT/p ATE C.

(Figura 5) PUTT/p ATE C.

(Considerazioni finali.)

 

Le opere e i lavori saranno estremamente invasivi, deturpando irrimediabilmente il paesaggio e i luoghi naturali ricadenti nell’area interessata, in un evidente netto contrasto con lo scenario mediterraneo dei luoghi, tipico delle nostre zone.

L’esproprio dei lotti allocati nell’area dell’impianto e quelli potenzialmente impegnati dall’elettrodotto, le abitazioni rurali e i terreni limitrofi, avranno una svalutazione inevitabile a danno dei cittadini che li possiedono.

Si vuole evidenziare inoltre, come questo sia un investimento fatto da una società a responsabilità limitata, che ha scopo di lucrare sul meccanismo incentivante dei certificati verdi, un paradosso, che pone l’interesse privato sull’interesse pubblico, mascherandolo da “Pubblica Utilità”.

 

Per tutto quanto esposto,

 

CHIEDIAMO 

parere negativo nella Autorizzazione Paesaggistica, parere negativo nella Valutazione di Impatto Ambientale e conseguente parere negativo all’Autorizzazione dell’opera in oggetto.

 

Cordiali saluti.

 

Cutrofiano 17.12.2012

Il Presidente del Forum Amici del Territorio

(Pellegrino Gianfranco)

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento (Lunedì 17 Dicembre 2012 10:27)

 

PostHeaderIcon Incontro Pubblico sui Rifiuti

Forum Amici del Territorio

COMUNICATO STAMPA

Il 22 Agosto 2012, il Forum Amici del Territorio  scrive all’Amministrazione per richiedere un incontro pubblico sul tema della gestione dei rifiuti, evidenziando il fallimento della raccolta differenziata a Cutrofiano, dopo mesi di denuncia di una situazione non più sostenibile.

Lo scontento dei cittadini sulla tassa dei rifiuti in costante aumento, (ne è previsto probabilmente uno anche  per il 2013), e le reiterate richieste del Forum, hanno spinto finalmente l’Amministrazione a concedere un incontro pubblico atteso da mesi.

L’incontro sul tema dei rifiuti, la raccolta differenziata e le relative tasse e ecotasse, è organizzato per mercoledì 5 Dicembre alle ore 18:30, presso l’ex mercato coperto a Cutrofiano.

Interverranno:

MARIA ROSARIA CESARI: Assessore all’Ambiente

SILVANO MACCULI: Commissario ATO LE/2

RICCARDO BANDELLO: Direttore Esecuzione del Contratto

NICOLA LOMBARDI: Lombardi Ecologia

Si dimostra ancora una volta che l’azione di pungolo che il Forum esercita attivamente nei confronti dell’Amministrazione Comunale, è essenziale e necessaria per la difesa degli interessi dei cittadini di Cutrofiano.

Il Forum Amici del Territorio sarà presente ed ascolterà in silenzio ciò che i relatori hanno da dire, nella speranza che diano risposte alle domande dei Cittadini.

Il Forum si riserva inoltre di analizzare e valutare i dati ufficiali e la documentazione relativa alla raccolta dei rifiuti, al momento non ancora consultabili, per depositare osservazioni e proposte migliorative frutto di esperienze di altri comuni italiani virtuosi, offrendo come sempre la propria disponibilità a qualsiasi azione tendente a migliorare il sistema di raccolta differenziata e promozione su territorio della strategia RIFIUTI ZERO.

Si invita dunque la Cittadinanza e tutti gli interessati a partecipare ad uno dei rari incontri in cui (si spera) verranno spiegati i motivi del negativo andamento della raccolta differenziata a Cutrofiano e non solo, e il perché dei continui aumenti della tassa sui rifiuti solidi urbani.

 

Gianfranco Pellegrino

(Presidente del Forum Amici del Territorio)

Ultimo aggiornamento (Martedì 04 Dicembre 2012 10:42)

 

PostHeaderIcon Prove di un Regime in declino

Forum Amici del Territorio

Il Capro espiatorio...
"…purtroppo siamo tutti impegnati a perdere l'80, l'85 e 90% del nostro tempo, ora a affrontare questo o quel problema di natura amministrativo…
… magari a rispondere  aaaa…, a fantomatiche associazioni che pensano di intervenire nell'interesse della  comunità facendo danno,  e questo lo abbiamo verificato pochi giorni addietro, eeehh… ecco, quello è tempo che purtroppo siamo costretti a sprecare per nulla, per dare… per dare risposte a gente senza scrupoli e senza competenza."
(C.C. 29.11.2012)



Consigliere delegato al bilancio
Avv. Michele GORGONI.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 30 Novembre 2012 17:08)

 

PostHeaderIcon La proposta del Forum, da sottoporre al Consiglio Comunale

Forum Amici del Territorio

Alla cortese attenzione:

del Sig. Sindaco di Cutrofiano;

dei Consiglieri Comunali;

Responsabile Ufficio Tecnico Comunale.

-       LORO SEDI –

 

Oggetto:        Nota con proposta da sottoporre al Consiglio Comunale di Cutrofiano del 29.11.2012, per le perimetrazione delle Aree a diversa Pericolosità geomorfologica del P.A.I., approvate dall’Autorità di Bacino della Puglia.

PREMESSO

  • che il Forum Amici del Territorio, comitato di cittadini di Cutrofiano, con sede in via Foggia n. 13 C/o Chiesa San Giuseppe, è venuto a conoscenza della convocazione per Giovedì 29 novembre 2012 del Consiglio Comunale in seduta straordinaria, in cui si riporta come terzo punto all’ordine del giorno: “Aree a diversa pericolosità geomorfologica di cui alla delibera n. 62 del 20.12.201 del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino della Puglia. Determinazioni…”;
  • che in data 30/11/2005 è stato approvato e in data 30/12/2005 pubblicato sul sito ufficiale, il P.A.I. dell’Autorità di Bacino della Puglia, nel quale ricade il Comune di Cutrofiano;
  • che il Comitato Tecnico dell’A.d.B. approva nella seduta del 25.07.2006, un ”Atto d’indirizzo per la messa in sicurezza dei territori a rischio cavità sotterranee” ;
  • che con nota pervenuta al Comune di Cutrofiano, prot. 23.09.2010 n° 1003, l’A.d.B. della Puglia propone una bozza di perimetrazione delle aree a diversa pericolosità geomorfologica, da sottoporre allo stesso Comune, per eventuali modifiche o integrazioni bibliografiche;
  • che dalla data di notifica del precedente punto, il Comune di Comune non ha mai inteso sottoporre a pubblica visione ed a osservazioni da parte dei cittadini e soggetti interessati, tali perimetrazioni, escludendo di fatto nella modifica del P.A.I., eventuali dati bibliografici di cui all’art. 4, comma 1, lettera a, dell’Atto di indirizzo suddetto o note di rilievo;
  • che il Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino della Puglia ha approvato, con delibera N.62 del 20/12/2011, le nuove perimetrazioni, con l’inserimento di aree a diversa pericolosità geomorfologica P.G.3 e P.G.2, per il territorio comunale di Cutrofiano (Le) in vigore dal 11/01/2012, confermando integralmente nella sostanza, la bozza proposta
  • che con Delibera di G.C. n.200 del 19.11.2012, l’Amministrazione ha inteso condurre uno studio geognostico, attraverso l’ausilio professionale di un tecnico abilitato, per individuare eventuali cavità sotterranee, su una parte di territorio urbano incluso nelle perimetrazioni a diversa pericolosità geomorfologica;

CONSIDERATO

  • che nella Delibera, di G.C. n. 200 del 19.11.2012, non è chiaro se il piano di indagine geo-tecnica e geognostica, sia stato preventivamente concordato con l’A.d.B., al fine di garantire un quadro conoscitivo dei luoghi esaustivo , come è accaduto per il comune di Lesina Marina (FG) nel 2009;

  • che alcune aree interessate dalla presenza di cavità sotterranee, di cui si ha documentata conoscenza, non sono state incluse nella perimetrazione delle aree a diversa pericolosità geomorfologica (esempio: “Loc. Petrore, comparto a.3.7., ecc…”), evidenziando omissioni e difformità nell’applicazione delle norme e nella salvaguardia dei luoghi a rischio;

  • che sulla cartografia generale, la maggior parte dei rilievi della rete di cave ipogee, effettuati nel 2006-2007 a seguito delle operazioni di caratterizzazione e bonifica delle stesse, non sono georeferenziati correttamente e quindi affetti da errori grossolani, che possono aver determinato errate perimetrazioni su determinate zone del territorio comunale;

COSTATATO

  • che, nell’Atto di indirizzo in premessa, approvato dal Comitato Tecnico dell’A.d.B. nel 2006, si desume che le aree a Pericolosità Molto Elevata (PG3), individuano sul territorio zone interessate da cavità sotterranee, di cui si hanno almeno dati bibliografici (art. 4, comma 1, lettera a), a fronte di un perimetro di salvaguardia di 30 m (art. 3, comma 1.1);

 

  • che per lo stesso Atto di indirizzo e per le analisi di merito, riportate nella rivista “GEOLOGI e TERRITORIO” dell’Ordine Regionale dei Geologi – Puglia n. 1/2/3 – 2006, si desume invece, che le aree a Pericolosità Elevata (PG2), individuano sul territorio, zone con alta probabilità di presenza di vuoti nel sottosuolo;

  • che l’Autorità di Bacino molto probabilmente, per i motivi succitati, è in possesso di dati da bibliografia, da lavori e da indagini già eseguite, che hanno determinato presumibilmente le attuali perimetrazioni delle aree vincolate, secondo quanto previsto dall’Atto d’indirizzo per la messa in sicurezza dei territori a rischio cavità sotterranee.

Per quanto suddetto, il Forum Amici del Territorio,

PROPONE

al Consiglio Comunale di Cutrofiano, offrendo collaborazione gratuita, una ridefinizione dei perimetri delle aree a diversa pericolosità geomorfologica, attraverso una rielaborazione corretta del quadro conoscitivo, anche a fronte dei nuovi elementi riscontrati, da proporre al Comitato Tecnico dell’A.d.B., secondo l’art. 25 delle N.T.A. del P.A.I., secondo il seguente cronoprogramma:

-       acquisizione di tutta la documentazione in possesso dell’Autorità di Bacino della Puglia, nonché dell'ex ufficio minerario Regionale, sulla quale sono stati definiti i perimetri, ove non fosse in possesso dell’Amministrazione Comunale;

-       precisa e puntuale geolocalizzazione, dei bocca pozzi, dei rilievi e dei  progetti di cave ipogee, sulla cartografia tecnica regionale;  

-       inserimento di una zona buffer di 30 metri a contorno degli elementi grafici ridefiniti, per la generazione dei perimetri delle zone (PG3);

-       ulteriore inserimento di una zona buffer di 30 metri a definizione dei perimetri di aree (PG2);

-       modesti interventi di unione (marge) dei perimetri ottenuti, su piccole distanze.

 

Cordiali saluti.

Cutrofiano, lì   27-11-2012

 

(Allegato: Pericolosità geologica connessa alla presenza di cavità sotterranee. Atto di indirizzo dell'Autorità di Bacino della Puglia.)

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 28 Novembre 2012 18:03)

 
Altri articoli...
Ultime dal Salento