Colacem


Intervento del Forum al Consiglio Comunale del 3 agosto 2016, cava Movit.

 

OGGETTO: Intervento al Consiglio Comunale monotematico aperto, di Cutrofiano (Le) del 03.08.2016, note del FORUM AMICI DEL TERRITORIO inerenti la richiesta di autorizzazione alla coltivazione e sfruttamento del materiale calcarenitico presente nel sottosuolo di alcuni terreni ricadenti in località “Piglia” in agro di Cutrofiano, per un’estensione di Ha 13.49.44 circa.

 PREMESSO

  • che con istanza del 4 giugno 2010, la società MOVIT srl con sede legale in C.da Murrone in Soleto, ha attivato la procedura di cui all’art. 8 della L. R. n. 37 del 22.05.1985, per la richiesta di autorizzazione alla coltivazione e sfruttamento del materiale calcarenitico presente nel sottosuolo di alcuni terreni (CT Fg. 13 p.lla 200 e Fg. 21 p.lle 5 e 10) ricadenti in località “Piglia”, in agro di Cutrofiano (LE) per un’estensione di 13.49.44 Ha;
  • che in data 10 maggio 2010, la società ha presentato al Comune di Cutrofiano, istanza di verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale;
  • che in sede di osservazioni alla verifica di assoggettamento a VIA, il Forum Amici del Territorio ha protocollato presso l’Ente competente, note a contrasto;
  • che la Società MOVIT srl con nota del 04.01.2012, acquisita al prot. n. 119 del 05.01.2012, ha presentato istanza di VIA, dopo l’assoggettamento prescritto con Determinazione del Responsabile del Settore Tecnico di Cutrofiano n. 60/269 del 28.04.2011;
  • che il Forum Amici del Territorio, con nota acquisita al prot. n. 2835 del 19.03.2012, ha trasmesso osservazioni dettagliate, ai sensi dell’art. 24 del D. Lgs. n. 152/2006, per il progetto definitivo e lo studio di impatto ambientale relativi all’apertura della cava di calcarenite da sottoporre a VIA, chiedendo parere negativo nella stessa VIA;
  •  che dopo un lungo iter nel procedimento di VIA, costellato da diversi pareri, ricorsi al TAR e dal primo giudizio di compatibilità ambientale negativo espresso dal Responsabile del Settore Tecnico di Cutrofiano, con Determinazione n. 43/166 del 13.02.2014, si è in attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato nel giudizio di appello num. 201510466, proposto dal Comune di Cutrofiano avverso la sentenza n. 2683/2015 del TAR di Lecce;
  • che con determinazione n.191/560 del 17.06.2016, il Responsabile del Settore Tecnico di Cutrofiano esprime un secondo giudizio di compatibilità ambientale positivo, condizionato a quella che sarà la decisione del Consiglio di Stato nel giudizio di appello proposto dal Comune di Cutrofiano avverso la sentenza n. 2683/2015 del TAR di Lecce.

Per quanto in oggetto e in premessa, il FORUM AMICI DEL TERRITORIO osserva quanto segue:

1)    Contrasto con il Piano Faunistico Venatorio della Regione Puglia 2009-2014, in proroga.

Il progetto di cava in esame, risulta essere posizionato al centro della Zona Addestramento Cani (Z.A.C.), di tipo “B”, denominata “LUPIAE” e identifica col numero ”09”, con un’estensione di Ha 19.34.24. Tale zona è inserita nel Piano Faunistico Venatorio 2009-2014, in proroga (approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 503 del 10.5.2009, attuato con Reg.to Reg.le del 30.7.2009 n. 17) e già presente nel precedente Piano Faunistico Venatorio 2007-2012.

[caption id="attachment_280" align="alignnone"]Piano Faunistico Venatorio ZACPiano Faunistico Venatorio ZAC[/caption] …

Piano Faunistico Venatorio ZAC

Cutrofiano, un Paese oramai colonizzato e depauperato del suo Territorio e del suo Paesaggio.

[caption id="attachment_276" align="alignnone"]Ubicazione Cava MovitUbicazione Cava Movit[/caption]

La società MOVIT srl con sede a Soleto (Le), posseduta per il 50% e collegata a COLACEM Spa (come si evince dal bilancio consolidato 2014 del Gruppo Financo Pag. 74: http://www.financo.it/bilancio_consolidato_2014.pdf), aprirà una nuova Cava a Cutrofiano che interessa ben 14 ettari, pari all’estensione del rione Piani. …

Ubicazione Cava Movit

Falda Idrica

Il progetto di ampliamento della Cava Don Paolo, contrasta con le norme del P.R.A.E. della Puglia.

 

Falda Idrica

 

  Il Forum Amici del Territorio e Italia Nostra – Sezione Sud Salento, hanno inoltrato una nuova diffida a integrazione della  precedente, agli uffici competenti del Comune di Cutrofiano e della Regione Puglia, evidenziando un ulteriore difformità del progetto alle norme vigenti.

  Avendo potuto solo recentemente, prendere visione di ulteriori documenti relativi al progetto di ampliamento della cava “Don Paolo”, scopriamo oggi che il progetto in esame, in fase di Valutazione di Impatto Ambientale, contrasta con le norme vigenti di tutela delle acque nelle cave di pianura, inserite nel Piano Regionale delle Attività Estrattive (P.R.A.E.).


  Costatato, che il Piano Regionale delle Attività Estrattive (P.R.A.E.) della Puglia è stato approvato in via definitiva con deliberazione di Giunta Regionale, n. 580 del 15 maggio 2007 e con esso le relative Norme Tecniche di Attuazione, il progetto di ampliamento della cava di Colacem presentato nel 2009, rientra nell’ambito di applicazione delle suddette norme, poi modificate nel 2010.

  L’attività agricola, nel territorio del Comune di Cutrofiano, si è basata nei secoli scorsi e si basa tutt’oggi sulla disponibilità di acqua contenuta prevalentemente nella falda freatica superficiale (presente diffusamente nella porzione di territorio a sud dell’abitato), emunta attraverso numerosi pozzi costruiti nei secoli nelle campagne del Comune, pertanto questa risorsa idrica, risulta molto importante per la comunità Cutrofianese, per questo la si deve tutelare integralmente.


C’è chi ci guadagna. I Cittadini ci perdono, per questo siamo indignati!

 

Arroganza

   La nostra Terra, il nostro Paesaggio e il Futuro dei nostri Figli, sono stati oggetto di trattative, svenduti a mo’ di saldi di fine stagione. Questo è quanto avvenuto negli ultimi giorni del 2014, dietro la rinnovata convenzione sottoscritta tra l’Amministrazione comunale di Cutrofiano e Colacem s.p.a., al fine di favorire l’autorizzazione del secondo ampliamento della cava “Don Paolo”.

   Occorre chiarire, che il Comune di Cutrofiano riveste un ruolo fondamentale nella procedura di Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA), in quanto, secondo la L.R. 11/2001  sono di competenza del Comune le procedure di VIA, per cave e torbiere con limiti inferiori a quelli della categoria A.2.o, cioè cave e torbiere con meno di 500.000 mc/anno di materiale estratto o di area interessata inferiore a 20 ha, come nel caso specifico.

Ora facciamo una breve sintesi dei fatti…

Arroganza

Le 860 firme di Cittadini sono “Carta straccia” e si approva la convenzione.

Vendesi territorio di Cutrofiano

(Modificato)

Nella seduta del Consiglio Comunale di Cutrofiano del 4 Dicembre 2014, si sono celebrati i funerali della democrazia.

La petizione popolare che ha raccolto in poco più di 3 giorni 860 adesioni, per richiedere il rinvio della discussione sulla nuova convenzione Colacem, aprendo alla condivisione ed un confronto con la Cittadinanza è stata definita dal Signor Sindaco, Presidente del Consiglio pro tempore “Irricevibile” e dal delegato al bilancio GorgoniCarta Straccia, un vero e proprio schiaffo a tutti quei cittadini che l’hanno sottoscritta.

Vendesi territorio di Cutrofiano